Get Familiar: Cawd Slaydaz

Acquisisci familiarità: Cawd Slaydaz

Get Familiar
Music
Patta Soundsystem
Acquisisci familiarità: Cawd Slaydaz

Cawd Slayaz è il progetto emergente di due titani nella comunità musicale di Amsterdam. Max Abysmal e Hugo de Naranja si sono incontrati alla leggendaria Red Light Radio , una parte fondamentale del quartiere che Patta chiama casa. Durante la pandemia, si sono ritrovati a percorrere strade meno battute nel mezzo di una pandemia globale e di una rivolta sociale nel paese ospitante, la Colombia. Unendo insieme due vite di esperienze musicali e invitando la gente del posto a raccontare le storie che devono essere raccontate, hanno superato i loro obiettivi di creare un EP e hanno realizzato insieme un LP di debutto chiamato " Totál " su Frigio Records . Nata dalla collaborazione, quest'ultima avventura racchiude un momento in cui il clima sociale in tutto il mondo apparentemente non potrebbe essere più teso. Ci siamo presi un po' di tempo per sederci con Hugo e Max per familiarizzare con questo nuovo progetto. Il disco di debutto dei Cawd Slaydaz è ora disponibile su Frigio Records e per celebrare l'occasione abbiamo un'anteprima del loro nuovissimo video musicale per il brano 'Real G' con LoMaasBello diretto da Jeroen Dankers e Aukje Dekker .

Quali precedenti avventure nel campo dell'audio vi hanno portato a diventare professionisti del suono?


Hugo: Quando avevo circa 14 anni, ho fondato la mia prima band. Stavamo scoprendo i nostri strumenti e cosa potevamo fare con loro. La musica hardcore e punk è stata la nostra ispirazione. Ho sempre continuato a farlo. Al giorno d'oggi suono ancora in gruppi punk ma ultimamente sto lavorando alla produzione di molta musica elettronica. Immagino che il mio viaggio con i Red Light Radio mi abbia esposto a molte variazioni e mi abbia ispirato a creare cose al di fuori dei regni della sola musica punk e metal.

Max: Da quando ricordo, sono stato ossessionato dalla musica e dal suono in generale. Dopo aver sperimentato con i miei amici d'infanzia durante la scuola elementare nelle mie prime band, alla fine ho imparato a registrare la mia chitarra in tenera età. Lavoravo ogni giorno sulla scrittura delle mie canzoni e poi le caricavo su Facebook. Tutto questo è avvenuto prima ancora che avessi uno spazio di lavoro audio digitale. Mentre continuavo a scoprire lo spettro più ampio della musica, ho fatto domanda per una scuola di musica e ho iniziato a studiare alla SAE di Amsterdam e da allora non ho mai smesso di sperimentare.

Hai un suono molto grintoso in questo ultimo disco, quindi per i nerd dell'attrezzatura là fuori, puoi farci sapere con cosa stai lavorando?

Max: Questo progetto su cui abbiamo lavorato insieme è stato realizzato in uno studio pop-up a Bogotá, in Colombia. Avevamo uno spazio artistico vuoto, con un tavolo e abbiamo semplicemente collegato tutta l'attrezzatura che avevamo. È stato difficile portare tutto da Amsterdam, quindi abbiamo preso in prestito anche alcuni sintetizzatori e strumenti.

Hugo: Abbiamo anche comprato alcuni strumenti tradizionali colombiani e abbiamo modificato i loro suoni in qualcosa di nuovo. Aveva un budget molto basso, quindi non troppo per i nerd degli attrezzi ma solo tanta buona energia!

La tua energia per la creazione è eccezionalmente contagiosa, come fai a rimanere così motivato a creare?

Max: Per me, la motivazione principale a creare è sempre stata il flusso costante di idee e pensieri che ho sulla musica. Ogni sera sembra spuntare di tutto, dalle foto di copertina alle idee per i video. A volte è una melodia che non riesco a smettere di canticchiare mentre vado in giro in bicicletta. La sola idea di creare qualcosa è per me uno stato mentale perpetuo. Sono sempre nello stato mentale di fare.

Hugo: Per me la collaborazione è fondamentale. Per condividere idee e imparare nuove cose facendolo. In tutti i progetti che realizzo la collaborazione è sempre coinvolta. Lavorare con persone diverse è ciò che mi motiva a creare sempre più cose nuove.

Quale viaggio ti ha portato dove sei, in termini di estetica che apprezzi nella musica?

Hugo: Ho un appetito insaziabile per tutto ciò che riguarda l'underground. Immagino direi che tutto è iniziato con la musica punk prima di espandersi nel metal, nell'hip-hop e tutto ciò che accadeva nei vari squat dei Paesi Bassi. Ho trascorso gran parte dei miei anni formativi frequentando squat e rave illegali. Il talento della programmazione in questi spazi, dal crosta-punk all'elettronica, mi ha davvero dato il mio posto. La libertà, la distorsione e la sperimentazione sono ciò che apprezzo di più nella vita, e lo stesso vale per la musica.

Max: In questi giorni mi sento ancora come se fossi in viaggio. I miei gusti e interessi sono in continua evoluzione. Posso senza dubbio dire nella mia mente che non mi sono mai piaciuti i suoni mainstream che ero costretto ad ascoltare alla radio e che mi sono sempre rivolto al lato più oscuro e deprimente delle cose anche quando si trattava di estetica, ma questo pop alimentato a forza mi che avevo sopportato da bambino mi ha dato un apprezzamento inconscio per un ritornello orecchiabile o una melodia ben fatta. Penso che anche questo giochi un ruolo importante nel mio gusto e nel mio stile.

Come è nato questo ultimo progetto?

Hugo: Max e io abbiamo suonato molto come DJ in Colombia e durante la pandemia, il nostro luogo preferito di arte e musica a Bogotà chiamato KB ha iniziato a utilizzare il suo spazio come residenza di artisti. Ci hanno invitato a fare musica in uno dei loro spazi e non potremmo essere più felici di tornare in Colombia e lavorare su qualcosa di nuovo.

Max: L'obiettivo era fare un EP e magari coinvolgere alcuni ospiti locali nell'EP, ma alla fine abbiamo realizzato un album completo con 11 fantastiche tracce con 10 incredibili artisti ospiti colombiani.

Cosa ti ha portato in Colombia?

Hugo: Con i viaggi di Red Light Radio in Sud America, ho conosciuto la Colombia e abbiamo ospitato molte trasmissioni in tutto il paese. Max si è unito al team di produzione in molti di questi viaggi. La Colombia ha così tanti talenti incredibili e abbiamo investito molto tempo nell'organizzazione delle trasmissioni per offrire agli artisti emergenti una piattaforma per ottenere visibilità a livello mondiale, cosa non facile per gli artisti latini. Amiamo la Colombia, la musica, la cultura e le persone ed è stato un piacere lavorare sulla musica in un paese con un patrimonio musicale così incredibile. Anche lavorare con i talenti e le leggende che abbiamo scoperto durante i nostri viaggi è stato un sogno diventato realtà.

Ho sentito che c'era molta tensione a livello della strada mentre eri lì, cosa stava succedendo e come ha influenzato il tuo viaggio?

Max: Proprio il giorno dell'arrivo sono iniziate grandi proteste in tutto il paese come Paro Nacional , bloccando le infrastrutture e facendo sentire la voce contro il governo per molte ragioni. È stato un periodo turbolento ed emozionante, con molte proteste e brutale violenza da parte della polizia.

Hugo: Per solidarietà, abbiamo preso parte a molte proteste e abbiamo cercato di contribuire anche in modo musicale. Ciò ha portato a registrazioni con attivisti locali durante la residenza e lo studio di musica pop-up è stato una grande via di fuga per gli artisti per collaborare a qualcosa di positivo.


Essendo in viaggio per progetti musicali, saresti stato in giro con molta gente del posto. Per chi della scena laggiù sei entusiasta?

Hugo: Sembra che la scena musicale latina ultimamente sia più focalizzata sui propri talenti e sulle proprie leggende. Invece di attirare artisti dall'estero, spingono la gente del posto e questo è fantastico. Ho esaltato tanti colombiani, ma diamone alcuni in campi diversi, sono tutti favoriti; Il DJ che mi piacerebbe farti conoscere è Sergio Iglesias , produttore cinematografico , live act Meridian Brothers , etichetta discografica Tratratrax , artista visivo Juan Uribe , fotografa Gabriela Molano , stilista Diamantina Arcoiris e tanti altri.

Max: Penso che Hugo ne abbia parlato molto bene, nominando tutti quelli che volevo menzionare. Anche se devo ringraziare in modo speciale il mio DJ preferito nel gioco; Bclip !

Come è entrata Danika nel mix?

Hugo: Accanto ad una stazione di polizia a Bogotá c'era uno spettacolo in corso. Allo spettacolo ha preso parte una protesta contro la violenza della polizia contro le persone transgender e Danika. Siamo rimasti colpiti dalla sua voce e dalla sua performance e l'abbiamo invitata nel nostro studio per suonare insieme al disco. Fa musica fantastica sotto il suo alias LoMaasBello e l'ha fatta impazzire in una delle nostre tracce dell'album chiamata Real G.

Qual è il background musicale di Danika e quali sono gli altri progetti su cui ha lavorato?

Hugo: Ha iniziato a fare musica solo di recente e ha già pubblicato parecchia musica come LoMaasBello. Insieme abbiamo la traccia di Real G nel nostro album e abbiamo registrato anche un video musicale per quella quando lei era ad Amsterdam (in anteprima oggi!). Abbiamo anche registrato 5 nuove tracce insieme ad Amsterdam e speriamo di pubblicare questo EP all'inizio del 2023.

Oltre alla musica, cos'altro hai fatto mentre eri lì?

Hugo: Abbiamo realizzato un progetto sociale con i senzatetto a Santa Fé e creato musica con rapper di talento di questo quartiere difficile. Abbiamo anche realizzato un video musicale in un piccolo villaggio, che deve ancora uscire. Abbiamo realizzato anche la colonna sonora per una sfilata. In realtà facciamo musica solo quando siamo in Colombia.

Entrambi fate musica ma siete anche dj, come si intrecciano e divergono le due espressioni?

Max: Ad essere sincero ho difficoltà a combinare le due cose. Il mio stile di produzione e il mio stile di DJ sono simili nella diversità ma in termini di espressione sono completamente opposti. Inoltre, non mi sembra che suoni mai le mie produzioni durante i set.

Hugo: Dopo tutti questi anni da DJ trovo ancora scomodo ricevere attenzioni e crediti per aver suonato la musica di altre persone, ah! Preferisco suonare la mia musica, una scaletta delle mie canzoni e la gente può prenderla o lasciarla. Sono nervoso su cosa potrebbe funzionare meglio per una folla con una chiavetta USB con migliaia di opzioni. Preferisco molto di più suonare dal vivo, ma insieme a Max mi diverto sempre a suonare dj set B2B e mixare Trap con Punk ed EBM.

A quali progetti hai lavorato che possiamo vedere nel prossimo futuro?

Max: Il prossimo EP insieme a LoMaasBello lo abbiamo registrato nel mio studio il mese scorso e ho anche alcuni progetti personali su cui sto lavorando, incluso un nuovo alias che spero vedrà la luce all'inizio del prossimo anno.

Hugo: Sto lavorando ad un album solista, con ovviamente molte collaborazioni.
E ovviamente stiamo finendo l'EP con Max & LoMaasBello e uscirà il prima possibile!